OptraGate

Il perfetto ausilio per l’isolamento relativo del campo operatorio

9 marzo 2018

Il perfetto ausilio per l’isolamento relativo del campo operatorioL’odontoiatra Dr. Knut Hufschmidt nel suo studio utilizza, con successo, da oltre nove anni il distanzia labbra OptraGate ottimizzando i suoi piani di trattamento.

Nel suo studio dentistico, il Dr. Hufschmidt utilizza regolarmene OptraGate. Il suo impiego fa parte della routine: “Oltre che per l’igiene orale professionale, utilizzo OptraGate in tutte le situazioni di trattamento nelle quali non è possibile onon è necessario l’isolamento del campo con diga. Questo spazia dalla prima visita fino ai restauri diretti ed indiretti nei settori anteriori e posteriori.“

Maggiore sicurezza

In qualità di operatore, Dr. Hufschmidt approfitta di un generoso accesso al campo operatorio ed al facilitato isolamento relativo. OptraGate è però anche di aiuto ai suoi pazienti per tenere la bocca aperta per più tempo. In tal modo le labbra dei pazienti possono essere meglio protette da irritazioni meccaniche e da strumenti rotanti. “La cosa migliore però“, dice Hufschmidt, “è che durante il trattamento mi posso concentrare completamente sul paziente e sul suo problema dentale aumentando allo stesso tempo la mie efficienza. Questo comporta maggiore flessibilità, efficienza ed ergonomia.”

OptraGate ha convinto il Dr. Hufschmidt. Provi anche Lei il distanzia-labbra e guance nelle diverse situazioni di trattamento.

Otturazione su dente deciduo con isolamento relativo

 

 

 

 
 

Otturazione su dente deciduo con isolamento relativo

Otturazione occlusale sul dente 46 con isolamento relativo Otturazione occlusale sul dente 46 con isolamento relativo

Otturazione di classe V sul dente 44 con isolamento relativo Otturazione di classe V sul dente 44 con isolamento relativo

Cementazione della corona parziale 36 con isolamento relativo Cementazione della corona parziale 36 con isolamento relativo

Fonte: Dr. Knut Hufschmidt, Austria, 2017

Scopra di più

Ordina campioni gratuiti
Caso clinico del Dr. Knut Hufschmidt